Gens Maris: La Battaglia Di Balaklava - Gens Maris

Salta al contenuto

Pagina 1 di 1
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

La Battaglia Di Balaklava Anniversario

#1 L   Marcuzzo Icona

  • Icona
  • Gruppo: Admin
  • Messaggi: 1609
  • Iscritto: 12-January 10
  • ProvenienzaRegno delle due Sicilie

Inviato 25 October 2014 - 10:15 AM

Riccore oggi il 160° annivesario della battaglia di Balaklava, dove trovarono la morte 600 cavalieri inglesi contro l'artiglieria delle truppe russe durante la guerra di Crimea a causa di generali inetti. Fu il primo dei due tentativi della Russia di rompere l'assedio di Sebastopoli, attaccando il campo britannico di Balaklava, importante base di rifornimento, e prendendo alle spalle le forze assedianti.

A loro ricordo, ed anche per i caduti di tutte le guerre.

"Ferrea valanga ardente, impavida coorte
affrontano i Seicento la Valle della Morte.
Un’ansia di vendetta, nel palpito del vento
segna fremendo il passo ai nobili Seicento.
L'uragano di fuoco d'ogni lato li serra:
il ciel splendente è fiamma, fiamma la negra terra.
Gloria che dai alla morte il magico fulgore
di sempiterne aurore verso il tuo firmamento,
guida la cavalcata dei nobili Seicento."


Nonostante la leggenda racconti che la brigata venne completamente annientata in realtà, pur soffrendo pesanti perdit,e non venne completamente distrutta, in totale subì circa 118 morti, 127 feriti e 362 cavalli persi.
Dopo essersi raggruppati solo 195 uomini erano ancora a cavallo.
La futilità dell'azione e la sua audacia sconsiderata spinsero il Maresciallo di Francia Pierre Bosquet ad affermare:

« È stato magnifico, ma questa non è guerra »

Si dice che i comandanti russi abbiano inizialmente creduto che i soldati britannici fossero ubriachi. La reputazione della cavalleria britannica venne considerevolmente migliorata in conseguenza di questa carica, ma non si può dire lo stesso di quella dei loro comandanti.
Nonostante l'arrivo dei rinforzi di fanteria inglese non vennero intraprese ulteriori azioni e i russi rimasero in controllo delle alture e della strada.
La carica della brigata leggera continua ad essere studiata dai moderni storici come esempio di quello che può andare male quando manca un'accurata strategia militare e gli ordini sono espressi poco chiaramente. Di certo rimane il fatto che l'eroica carica operata dalla Brigata rimane nella Storia a ricordare la criminale incapacità dei comandi nel mandare al massacro,inutilmente,centinaia di Uomini.

Nel nostro Paese (ahimè) della Guerra di Crimea si parla solo per la Battaglia della Cernaia dove i nostri Bersaglieri si fecero onore.
Erano anni in cui le strategie militari stavano ancora cercando una loro fiolosofia, senza riuscire a tenere il passo con i nuovi, molto più micidiali, armamenti evoluti dopo le guerre napoleoniche. Senza contare l'amare insipienza delle alte sfere militari, ancora rinchiuse in malintensi sensi dell'Onore Militare!

Immagine Postata
Non c'è limite alla forza del mare.

"Mi fu vita il mare e mi fu morte, corsi all'appello della Patria in armi, fremeva l'animo indomito e fidente.
Ai venti gridavo "Italia" ed alle onde, e per l'Italia navigai, caddi e mi coprì l'abisso.
Ma il mio spirito aleggia eterno nelle notti di stelle o di tempesta sull'itala gente laboriosa e forte.
Perennemente all'erta, io, marinaio d'Italia."

Immagine Postata

#2 L   Salgari Icona

  • Icona
  • Gruppo: COCT
  • Messaggi: 1672
  • Iscritto: 11-January 10
  • ProvenienzaLevanto (Sp)

Inviato 25 October 2014 - 14:08 PM

Grazie Marcuzzo per averci ricordato questo eroico avvenimento che molti di noi conobbero tramite il film:"La Carica dei 600"
Certamente l'appartenenza alla Brigata Leggera,con le Sue tradizioni britanniche,scatenò i cavalleggeri e fu la Gloria,nonostante i tantissimi morti e feriti.
Mi corre l'obbligo di ricordare,anche,quella che fu l'ultima Carica di cavalleria dei tempi "moderni":
La Carica del Savoia Cavalleria a Isbuscenskij il 25 Dicembre 1941:600 cavaliei contro duemila soldati siberiani!!!!!!!!
Ciò servì a salvare un buon numero di sbandati della Divisione Sforzesca e di altri corpi.
Anche in questa occasione fu lo spirito di corpo e le tradizioni italiane ad avere il sopravvento.
Questa Carica fu definita "un episodio di epica bellezza" e si abbina con quanto detto da un ufficiale di S.M. dell'Esercito francese in merito alla Carica di Balaklava: "Un episodio sublime"
Immagine Postata
Onori a tutti
:Italy: :Italy: :Italy: :Italy: :Italy:
Nicolò
Dal ponte del mio vascello vi guido attraverso i 7 Mari
Immagine Postata

#3 L   Capitan Bavastro Icona

  • Icona
  • Gruppo: Admin
  • Messaggi: 1681
  • Iscritto: 12-January 10
  • ProvenienzaAlba Docilia

Inviato 27 October 2014 - 08:36 AM

La guerra di Crimea fu un ecatombe di uomini, animali e mezzi e molte delle perdite furono dovute più alle malattie ed ai disagi del clima che alla guerra vera a propria.
Ciò non toglie che episodi di autentico eroismo rifulsero di luce propria; tra questi ricordiamo, appunto, la "Carica dei Seicento" e la "Thin Red Line" del 93th Southern Highlanders che resistette, impavida, all'assalto della cavalleria russa!

Capitan Bavastro

#4 L   bigjoe_1949 Icona

  • Gruppo: Members
  • Messaggi: 248
  • Iscritto: 22-December 11

Inviato 31 October 2014 - 14:11 PM

http://bergamo.corri...484610435.shtml

Pagina 1 di 1
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

1 utenti stanno leggendo questa discussione
0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi